Spesometro: modalità di compilazione e termini di invio

Il 10 ottobre 2013 l’Agenzia delle Entrate ha pubblicato il nuovo modello di comunicazione polivalente che incorpora diverse comunicazioni: lo spesometro;  la comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti; la comunicazione degli acquisti da operatori della repubblica di San Marino;  la comunicazione black-list (comunicazione delle operazioni effettuate con controparti residenti o domiciliate in paesi a fiscalità privilegiata). Per le comunicazioni relative alle operazioni black list e agli acquisti da San Marino, effettuate fino al 31 dicembre 2013, sarà consentito utilizzare, in alternativa al nuovo modello, la precedenti modalità di comunicazione.  L ‘art.21 del d.l. n.78/2010 (poi modificato dall’art.2, comma 6, del D.L. n.16/2012) ha introdotto l’obbligo per i soggetti passivi Iva di comunicare all’Agenzia delle Entrate le operazioni rilevanti ai fini Iva ( il cosiddetto “spesometro”). Sono esonerati dall’invio i contribuenti che si avvalgono del regime dei nuovi minimi (art.27, commi 1 e 2, del D.L. n.98/2011), oltre allo Stato, le regioni, le province, i comuni e gli altri organismi di diritto pubblico in relazione alle operazioni effettuate e ricevute nell’ambito di attività istituzionali, diverse da quelle che costituiscono esercizio d’impresa.  Nella sua prima versione (ante 2012), la normativa prevedeva, per i soggetti Iva, la comunicazione delle cessioni di beni e prestazioni di servizi, rese e e ricevute, di valore pari a 3.600 euro, al netto dell’imposta sul valore aggiunto, per le operazioni documentate da fattura, oppure di 3.600 euro, comprensivi d’Iva, relativamente alle operazioni non documentate da fattura. Successivamente, e quindi per le operazioni effettuate dal 1° gennaio 2012, la comunicazione è stata prevista per tutte le operazioni fatturate, con il solo limite di euro 3.600 per le operazioni per le quali non c’è obbligo di emissione della fattura.  Il provvedimento del direttore dell’Agenzia delle Entrate del 2 agosto 2013 ha definito le modalità tecniche e i termini relativi alla comunicazione delle operazioni rilevanti effettuate a partire del 2012. In particolare per il 2012, il termine per l’invio è: il 12 Novembre 2013 per i soggetti obbligati che effettuano la liquidazione Iva mensile;  il 21 novembre 2013 per gli altri soggetti.  A regime, a partire quindi dalle comunicazioni relative al 2013, i termini sono fissati al 10 aprile dell’anno successivo a quello di riferimento, per i soggetti obbligati che effettuano la liquidazione Iva mensile; il 20 aprile, per gli altri.  La comunicazione telematica può essere effettuate inviando i dati in forma analitica o in forma aggregata. L’opzione è vincolante per l’intero contenuto della comunicazione, anche in caso di invio sostitutivo.  L’opzione dell’invio dei dati in forma aggregata non è consentita per la comunicazione relativa a: acquisti da operatori economici sanremesi; acquisti e cessioni da e nei confronti dei produttori agricoli; acquisti di beni e prestazioni di servizi legate al turismo.

Spesometro: modalità di compilazione e termini di invio ultima modifica: 2013-11-02T18:29:00+00:00 da Dott. Gaetano Pappalardo