Regime forfettario: plusvalenze e minusvalenze irrilevanti

Nella gestione di un contribuente che applica il regime forfettario le plusvalenze e le minusvalenze realizzate durante la permanenza nel regime non assumono alcun rilievo ai fini della determinazione del reddito, anche se riferite a cespiti acquisiti prima dell’ingresso nel regime.

La determinazione del reddito nel regime forfettario non avviene in modo analitico per differenza tra proventi e costi sostenuti (come ad esempio avvien per i contribuenti che adottano il regime di vantaggio di cui al D.L. 98/2011), bensì applicando una percentuale forfettaria a titolo di abbattimento dei costi, variabile in funzione dell’attività svolta e individuata in base al codice attività.

Tale modalità di determinazione del reddito comporta tra le altre cose l’irrilevanza delle componenti straordinarie di reddito, quali le plusvalenze e le minusvalenze nonchè le sopravvenienze attive e passive.

Sul punto, è possibile individuare le seguenti casistiche:

In primo luogo per i cespiti acquisiti prima dell’ingresso nel regime forfettario e rivenduti durante l’applicazione del predetto regime è prevista l’irrilevanza della plusvalenza o minusvalenza realizzata. Risulta evidente che tale precisazione costituisce un’importante agevolazione soprattutto per quei beni completamente ammortizzati prima dell’ingresso nel regime forfettario, per i quali si realizza una completa detassazione del componente straordinario di reddito che altrimenti sarebbe stato imponibile.

In secondo luogo anche per i cespiti acquisiti e rivenduti nel periodo d’imposta in cui è applicato il regime forfettario non assumono alcun rilievo plusvalenze o minusvalenze derivanti dalla cessione.

Infine, per quanto riguarda i cespiti acquisiti durante l’applicazione del regime forfettario e ceduti successivamente all’uscita dal regime forfettario la plusvalenza o la minusvalenza torna ad essere rilevante in quanto realizzata in un periodo d’imposta in cui è applicato il regime ordinario.

 

Regime forfettario: plusvalenze e minusvalenze irrilevanti ultima modifica: 2018-01-19T06:05:49+00:00 da Dott. Gaetano Pappalardo

Commenta questo articolo