Mod.730/2016: termine di presentazione quasi al traguardo

Il 22 Luglio 2016 scadrà il termine entro il quale i CAF, ovvero i professionisti abilitati, possono effettuare la consegna al contribuente della copia della dichiarazione elaborata e del relativo prospetto di liquidazione, nonchè la comunicazione del risultato contabile delle dichiarazioni e la trasmissione in via telematica all’Agenzia delle Entrate delle dichiarazioni presentate. Analogamente, i contribuenti che provvedono in proprio potranno completare, entro la medesima data, la trasmissione diretta in via telematica all’Agenzia. Una tematica sentita dagli peratori del settore riguarda le modalità con cui l’Amministrazione finanziaria effettua i controlli sui Mod.730, anche in relazione alle posizioni per le quali eventuali anomalie riscontrate potrebbero essere rimborsate anzichè dal sostituto all’Agenzia delle Entrate. E’previsto che nei casi in cui il contribuente si sia avvalso dell’opera del CAF o di un professionista abilitato, la verifica sarà eseguita sulla correttezza del visto di conformità (che accompagna obbligatoriamente il modello in tali casi). Pertanto, le richieste di documenti e di chiarimenti relative alle dichiarazioni selezionate saranno trasmessi direttamente ai soggetti che hanno apposto tale visto. La documentazione richiesta, e gli eventuali chiarimenti ritenuti opportuni, dovranno essere trasmessi all’Agenzia delle Entrate -in via tlematica- tramite il canale CIVIS- entro i successivi trenta giorni. Nel caso di controllo formale sulle dichiarazioni Mod.730/2014 su elementi soggettivi non oggetto di visto di conformità, in tal caso la verifica sarà effettuata con le stesse modalità previste per le dichiarazioni senza visto di conformità, ma con invio diretto al contribuente. Tali regole sono applicabili all’assistenza fiscale prestata fino al 31 dicembre 2014. Nessuna indicazione si ha ancora per le dichiarazioni dei periodi successivi.

Mod.730/2016: termine di presentazione quasi al traguardo ultima modifica: 2016-07-12T06:05:41+00:00 da Dott. Gaetano Pappalardo

Commenta questo articolo