Fattura elettronica, obbligo a partire dal 2019

L’obbligo generalizzato della fattura elettronica tra soggetti passivi Iva residenti e soggetti stabili in Italia che decorrerà dal 1°gennaio 2019, non opera per i contribuenti minori che rientrano nei vecchi minimi e per coloro che applicano il regime forfettario. Inoltra la fattura elettronica non sarà utilizzata per la cessione di beni e le prestazioni di servizio effettuati e ricevuti verso e da soggetti non stabili nel territorio dello Stato.

L’emissione della fattura elettronica avverrà attraverso il sistema di interscambio dell’Agenzia delle Entrate, utilizzando il formato strutturato Xml già definito per la pubblica amministrazione.

Per professionisti e imprese in contabilità semplificata la trasmissione telematica di fatture e corrispettivi consente di ottenere dall’Agenzia delle Entrate gli elementi per la compilazione delle liquidazioni periodiche Iva, le bozze di F24 per il versamento delle imposte, sparisce l’obbligo della tenuta dei registri Iva. Per chi traccia i pagamenti sopra i 500 euro si riducono di 2 anni i termini di accertamento.

Pe le cessioni di benzina e gasolio destinati ad essere utilizzati come carburanti e per le prestazioni rese da subappaltatori e subcontraenti, l’obbligo della fattura elettronica, quale strumento antievasione, scatta anticipatamente dal 1°luglio 2018.

 

 

Fattura elettronica, obbligo a partire dal 2019 ultima modifica: 2017-10-01T16:00:18+00:00 da Dott. Gaetano Pappalardo

Commenta questo articolo