Disciplina fiscale dell’impresa familiare

La disciplina fiscale dell’impresa familiare è contenuta nell’art.5 commi 4 e 5 del Tuir che stabilisce che i redditi delle imprese familiari di cui all’art.230-bis del c.c. limitatamente al 49% dell’ammontare risultante dalla dichiarazione dei redditi dell’imprenditore, sono imputati a ciascun familiare che abbia prestato in modo continuativo e prevalente  la sua attività di lavoro nell’impresa, proporzionalmente alla sua partecipazione agli utili.

Quindi la quota attribuibile ai soggetti partecipanti all’impresa familiare che concorre a formare il reddito complessivo non può  superare il 49% dell’ammontare del reddito risultante dalla dichiarazione annuale, mentre le eventuali perdite conseguite dall’imprenditore non possono essere attribuite ai collaboratori, essendo di esclusiva pertinenza del titolare. Dal punto di vista fiscale non potrà adottare tale regime il familiare che svolge un lavoro dipendente, autonomo o d’impresa.

 

Disciplina fiscale dell’impresa familiare ultima modifica: 2017-02-14T19:10:52+00:00 da Dott. Gaetano Pappalardo

Commenta questo articolo