Calendario dei tributi locali

Le aliquote della Tasi per abitazioni principali e altri immobili dovranno essere pubblicate dal dipartimento Finanze entro il 18 settembre (a patto che il Comune le abbia decise entro il 10); quelle dell’Imu, che ora riguardano le abitazioni di “lusso” e gli altri immobili, hanno tempo per essere pubblicate (sempre dal dipartimento delle Finanze) entro il 28 ottobre, ma il Comune le deve decidere entro il 30 settembre.Stesso termine del 30 settembre per le delibere della Tari, il “nuovo” tributo sui rifiuti che riguarda sia i proprietari sia gli inquilini, ma non è previsto un obbligo di pubblicazione nazionale. La Tasi è pagata anche dagli inquilini, per una quota che va dal 10 al 30% del tributo totale nel caso in cui l’aliquota deliberata dal Comune si applica agli altri immobili e non alle sole abitazioni principali, di cui sono soggetti i soli proprietari. In 2187 Comuni dove le aliquote sono state decise entro il 23 maggio scorso, l’acconto è stato pagato a giugno e il prossimo appuntamento è per il saldo in calendario entro il 16 dicembre, anche in questi Comuni i sindaci potrebbero cambiare fino al 10 settembre le loro decisioni iniziali con conseguente conguaglio a dicembre.In tutti gli altri casi, l’appuntamento è per il 16 ottobre, data dell’acconto “ritardato” per i Comuni che non avevano deciso. Dove le aliquote non saranno decise entro il 10 settembre, si pagherà ad aliquota standard dell’1 per mille (senza detrazioni per le abitazioni principali) purchè la somma di Imu e Tasi sugli altri immobili non superi il 10,6 per mille.

 

 

Calendario dei tributi locali ultima modifica: 2014-08-19T12:30:41+00:00 da Dott. Gaetano Pappalardo