Aumento dell’imposta di bollo

Con la legge di conversione del DL 43/2013, pubblicata ieri in Gazzetta Ufficiale, è previsto l’aumento del bollo fisso. In particolare, il legislatore ha disposto che l’imposta fissa di bollo ovunque sia prevista nella misura di 1,81 euro, passi a 2 euro e ovunque prevista nella misura di 14,62 euro, passi a 16 euro.  Sono interessate dall’aumento le seguenti fattispecie: gli atti rogati ricevuti o autenticati da notai, le copie dichiarate conformi all’originale rilasciati dagli stessi e  inoltre le scritture private contenenti convenzioni o dichiarazioni anche unilaterali che saranno soggetti a imposta di bollo di 16 euro;  le ricevute e le quietanze rilasciate dal creditore, o da altri per suo conto, se superano 77,47 euro  saranno soggette a imposta di bollo di 2 euro. Gli aumenti risultano operativi già da oggi.

Aumento dell’imposta di bollo ultima modifica: 2013-06-26T17:52:56+00:00 da Dott. Gaetano Pappalardo