• (+39) 0332 919046
  • A soli 10 km dal centro di Varese
  • info@studiopappalardo.com

Articoli

Fattura elettronica emessa ai consumatori finali

La fattura elettronica emessa nei confronti dei consumatori finali secondo quanto prescritto dall’art.1, comma 3, D.Lgs. n.127/2015 deve essere emessa indicando nel campo “Codice Destinatario” il codice convenzionale a 7 zeri (“0000000′) e riportando il codice fiscale del del cessionario/committente. Come ormai ben noto, quest’ultimo potra’ decidere di ricevere una copia cartacea del documento, o comunicare al soggetto emittente un indirizzo di posta elettronica certificata cui il Sistema d’ interscambio potra’ recapitare la fattura in formato elettronico. Nella fatturazione elettronica…

Modalita’ di fatturazione per acquisti in reverse charge

Anche l’integrazione delle fatture per acquisti in reverse charge puo’ avvenire in modalita’ elettronica tramite l’emissione di un documento denominato “autofattura”da inviare con il SdI. E’ bene premettere che alla base e’ necessario distinguere le inversioni contabili in tre grandi gruppi: le integrazioni e le autofatture emesse a norma dell’art.17, comma 2, D.P.R. 633/72 per acquisti di beni e di servizi territorialmente rilevanti ai fini Iva in Italia da soggetti non residenti. Tali operazioni essendo effettuate con una controparte non…

Fatturazione elettronica: pubblicazione FAQ

L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato lo scorso 28 Novembre 2018 le FAQ relative alla fatturazione elettronica che descrivono le regole da rispettare da parte di aziende e professionisti concernenti gli adempimenti a cui ottemperare per rispettare l’obbligo della fatturazione elettronica a partire dal 1° gennaio 2019. Tra le molte istruzioni fornite sono presenti anche quelle relative alla presentazione della fattura elettronica differita.  Infatti, dato che l’obbligo della fatturazione elettronica non riguarda tutte le attività o i professionisti (ad esempio medici…

Notizie in breve

PROROGA DEI BONUS EDILI L’art.14 del DDL di bilancio 2019 prevede ala proroga della detrazione Irpef: del 50% (nel limite di euro 96.000) per gli interventi di ristrutturazione edilizia (art.16-bis del Tuir) del 50%-65% per interventi di riqualificazione energetica (con massimali variabili in ragione della tipologia di spesa); le tipologie d’intervento nonche’l e relative percentuali di detrazione sono confermate rispetto a quanto previsto per il 2018 del 50% (nel limite di euro 10.000) per l’acquisto di mobili/grandi elettrodomestici finalizzati all’arredo…

Nessun avviso bonario in caso di omesso versamento

Se il controllo della dichiarazione non fa emergere un risultato diverso rispetto a quello dichiarato dal contribuente ma solo l’omesso o tardivo versamento delle imposte, non e’ necessario l’invio da parte dell’Agenzia delle Entrate di una comunicazione di irregolarita’ perche’il controllo non investe incertezze su aspetti rilevanti della dichiarazione e quindi non la rettifica. L’ invio al contribuente della comunicazione di irregolarita’, al fine di evitare la reiterazione di errori e di consentire la regolarizzazione degli errori formali, e’dovuto solo…